Quante cose fa De Rossi! Giocatore, allenatore e «scudo» dei compagni

RASSEGNA STAMPA

Per Kolarov la forza delle parole, col messaggio su Instagram: «Fratello mio». Per Florenzi quella delle immagini. Capitano, allenatore in campo (parole di Di Francesco) e scudo per i compagni in difficoltà: Daniele De Rossi ce la sta mettendo tutta per fare uscire la Roma dalla crisi, scrive il Corriere della Sera. DDR - dopo il sostegno al compagno serbo - durante l’allenamento di ieri ha abbracciato il vice capitano, ridendo e scherzando. Al contrario del serbo, bersagliato con scritte sotto casa dagli ultrà ma sostanzialmente apprezzato dal resto della tifoseria, Florenzi sta vivendo un momento particolare: la parte più calda lo attacca, il resto della gente non è più compatta intorno a lui come in passato. Basta ascoltare le radio o leggere i social per accorgersene. Ecco perché il sostegno del leader dello spogliatoio è fondamentale. Oggi la squadra partirà per Verona, dove domani affronterà il Chievo, prima di tuffarsi nella Champions League, visto che martedì arriva il Porto. De Rossi, con ogni probabilità, riposerà in campionato per essere pronto in Coppa. A Verona mancherà Pellegrini, squalificato, ma rientreranno Nzonzi e Cristante. In difesa conferme per Fazio e Manolas, che però soffre per un leggero affaticamento. Per martedì proverà a recuperare Cengiz, ma al massimo andrà in panchina.