La Roma e la sosta di settembre: cronistoria della ripresa all'americana

APPROFONDIMENTI

Conclusa la parentesi legata alle Nazionali, sta per tornare in campo la Serie A. La Roma, impegnata sul terreno dell'Olimpico contro il Chievo alle 12.30 di domenica 16 settembre, si avvicina al proprio match con i dubbi di formazione e le tensioni che hanno colpito il gruppo di Di Francesco in questo inizio di stagione. Il fattore atletico potrebbe costituire un'ulteriore incognita alla ripresa del torneo: vale per tutti gli allenatori, a maggior ragione per il club di Trigoria in questo frangente. Da quando la proprietà americana si è insediata la sosta di settembre ha però regalato spesso sorrisi.

FALSA PARTENZA - E dire che le cose non erano partite con il piede giusto. Luis Enrique e Zdeněk Zeman, i primi due tecnici chiamati a gestire la nuova Roma, incapparono infatti in due sconfitte casalinghe al rientro dalla pausa per gli impegni internazionali: lo spagnolo, all'esordio assoluto in Serie A visto lo sciopero dei calciatori che nell'estate del 2011 portò allo slittamento della prima gara di campionato, rimediò due reti dal Cagliari, mentre il ceco addirittura 3 dal Bologna, proprio il 16 settembre del 2012.

CAMBIO DI ROTTA - La prima vittoria dopo il break per le Nazionali sotto l'egidia USA arriva soltanto con Rudi Garcia, nell'anno delle 10 vittorie consecutive: nella stagione 2013/14 si impone 1-3 sul campo del Parma, anche in questo caso il 16 settembre. Il tecnico francese dà il là ad una tendenza positiva che arriva fino ai giorni nostri: da quel match - che significò anche la prima rete in giallorosso dell'ex Kevin Strootman - in poi, la Roma ha sempre vinto la prima gara oggetto dell'analisi. Filotto per Garcia, che supera nei due campionati successivi Empoli e Frosinone - sempre in trasferta -, mentre a Luciano Spalletti si devono i primi 3 punti guadagnati nella specialità all'Olimpico, con il 3-2 ai danni della Sampdoria. Nella scorsa stagione, anche Eusebio Di Francesco è riuscito a mantenere viva la tradizione: Roma-Verona finisce 3-0, anche in questo caso in una gara disputata il 16 settembre. Da registrare, però, come la Roma avrebbe dovuto giocare un altro match prima di quello chiuso con la rete di Nainggolan e la doppietta di Dzeko: Sampdoria-Roma, sospesa per l'alluvione che colpì la città di Genova, è stata infatti recuperata soltanto a gennaio, ma avrebbe rappresento la terza giornata dello scorso torneo, nonché la gara di rientro dalla sosta. Risultato: 1-1, il pareggio mai estratto da quando sulla ruota di Roma siede la proprietà a stelle e strisce.

Luca Loghi