Olsen: "Alisson? So cosa ha fatto qui, ma ho fiducia in me stesso. Sono onorato di rappresentare la Roma"

NEWS

Robin Olsen, portiere della Roma, questa mattina ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni della tv di casa. Queste le sue parole:

La Roma come viene vista in Svezia?
In Svezia la Roma è vista come un grande club, agli svedesi piace vedere il campionato italiano e c’è un forte interesse nel mio paese.

La Nazionale?
E’ sempre un effetto eccezionale giocare con la Nazionale, soprattutto contro l’Italia, una grande Nazionale, è stato un grande momento per me. Ora sono qui e sono onorato di rappresentare la Roma.

Ti ricordi il primo momento quando ti hanno detto dell’interesse della Roma? 
Avevo sentito dell’interesse tramite il mio agente, ma ero concentrato sul Mondiale, per me era importante fare bene durante il torneo iridato, poi dopo il Mondiale il mio agente mi ha informato della trattativa e non c’è stato nessun problema per venire qui.

L’eredità di Alisson?
Ho grande fiducia in me stesso, ma so bene cosa ha fatto Alisson per la Roma, è normale che la gente si chieda chi arriverà adesso e come sarà, ma io sono ottimista al 100% e sono convinto delle mie possibilità. So che devo far bene.

Ci sono molte differenze con l’allenamento in Svezia, qui c’è Savorani che lavora duramente, ti sei pentito di fare il portiere? 
Non mi sono mai pentito, sono contento di lavorare con Savorani e dei suoi metodi, sono convinto che crescerà. I metodi tra Italia e Svezia sono diversi. Fare il portiere per qualcuno può sembrare una scelta folle e strana, il mio lavoro è prendere palloni e a volte anche pallonate ma sono contento. In campo mi trasformo, fuori sono calmo e sereno, ma in campo lo faccio per aiutare la squadra. Do sempre tutto, in allenamento e in partita.

Ci sono ottimi giocatori alla Roma, ma si dice che il portiere ha una visione totale del gioco stando dietro, che feeling ti dà la Roma in questo momento? 
Mi dà ottime sensazioni fin dalla prima partitella, ci sono ottimi giocatori in tutte le posizioni, è un piacere come questi campioni si muovono e trattano la palla. E’ un piacere giocare con loro.

Vista l’ultima stagione in Champions della Roma, sei più ansioso di disputare la Champions o la Serie A? 
Ho già giocato la Champions, non vedo l’ora di misurarmi con il campionato italiano.