Mediapro, votata la risoluzione del contratto. Lega torna a trattare con Sky

SERIE A TIM

GAZZETTA.IT (M.Iaria) - L'Assemblea di Lega di Serie A ha votato all'unanimità la risoluzione del contratto con Mediapro, che si era aggiudicato i diritti come intermediario offrendo 1050 milioni a stagione per il triennio 2018-2021, perché non ha ritenute sufficienti le garanzie finanziarie presentate. Come riporta Gazzetta.it (M.Iaria), oggi il gruppo spagnolo ha presentato una garanzia di 186 milioni, chiedendo l'attivazione dell'iter per arrivare al lancio del canale tematico: ai club non è bastato. A questo punto, la Lega riprende la titolarità dei diritti tv della Serie A per il triennio 2018-2021 ed è presumibile che avvii le trattative private per la vendita diretta agli operatori: nei giorni scorsi si era parlato di un'offerta combinata Sky-Perform di circa 950-970 milioni a stagione. Intanto, sempre oggi, l'assemblea della Lega Calcio di Serie A ha finalmente eletto la propria governance. Il presidente della Lazio, Claudio Lotito, e l'a.d. della Juventus, Beppe Marotta, sono stati eletti in consiglio federale: la Lega di A torna ad avere una rappresentanza in Figc, per ora commissariata. Eletto anche il nuovo consiglio della Lega di A che sarà composto da: Antonello (Inter), Campoccia (Udinese), Fassone (Milan), L. Percassi (Atalanta). L'agenzia Ansa, inoltre, riporta che il dg giallorosso Mauro Baldissoni ha chiesto di verbalizzare di "poter chiedere i danni non solo a Mediapro, ma anche a coloro che, dopo tre richieste di adempiere e essendo Mediapro ancora inadempiente, ci impediscono qui in Lega di disporre dei nostri diritti".