Zidane rovescia la Storia: a Kiev vince il Real

CHAMPIONS LEAGUE

CORRIERE DELLO SPORT (A.Ramazzotti) - Un'altra rovescia, spettacolare come quella di Ronaldo a Torino, consente al Real Madrid di liquidare la pratica Liverpool conquistando per la 13esima volta la Champions League. Protagonista questa volta Bale, entrato dalla panchina nella ripresa: i reds avevano avuto la forza di trovare la rete del pari con Mané dopo un errore incredibile di Karius e avevano resistito all'infortunio di Salah, uscito dal terreno di gioco per una probabile frattura della spalla e forse anche della clavicola sinistra in uno scontro con Sergio Ramos nel primo tempo. Infine, Karius ha ulteriormente scavato il divario fra le due formazioni regalando sempre a Bale il gol del definitivo 3-1, con una papera colossale su un tiro da lontanissimo del gallese. Terzo successo consecutivo nella manifestazione per il Real, quarto negli ultimi 5 anni. A spaventare l'ambiente blancos, però, sono le parole di Cristiano Ronaldo nel post gara: "È stato molto bello essere nel Madrid - ha detto il portoghese ai microfoni di Bein Sports - e nei prossimi giorni darò una risposta ai tifosi, che sono sempre stati al mio fianco. Abbiamo fatto la storia e ora dobbiamo godere. Zidane, lo staff, il futuro dei giocatori non sono cose importanti in questo momento. Riposerò, andrò al Mondiale con la Nazionale e vedremo cosa succederà". Su di lui l'interesse registrato è quello del Manchester United oltre a quello del PSG. Futuro lontano dalla Spagna che non scongiura neanche il protagonista della serata, Bale: "Ho bisogno di giocare tutte le settimane e adesso è arrivato il momento di discutere con il mio agente del futuro".