Raggi: "Lo stadio è in dirittura d’arrivo. Ho grande simpatia per la Roma"

NEWS

Nel contesto di “A scuola di tifo“, iniziativa messa in campo da Roma Cares in collaborazione con Roma Capitale, oggi il sindaco Virginia Raggi e il direttore generale del club giallorosso Mauro Baldissoni, all’istituto Gianni Rodari i due hanno incontrato i ragazzi. Queste alcune delle dichiarazioni trapelate, in riferimento anche al prossimo impianto della società capitolina:

“Lo stadio è in dirittura d’arrivo. Vengo da una famiglia in cui mio marito è tifoso della Lazio, ma io ho una forte simpatia per la Roma, con cui stiamo facendo cose importantissime. È stata una bellissima giornata, perché per noi i ragazzi sono il futuro di questa città e di questo Paese. Iniziare sin dalle scuole a instillare principi relativi alla convivenza pacifica, al rispetto reciproco, all’importanza dello sport, che non è solo il modo di mantenere una forma fisica, ma un modo per entrare in contatto e in relazione con gli altri, imparare sia sport individuali che di squadra, come può essere il calcio. Questo fa crescere delle persone più consapevoli, e tutto questo ci servirà per creare una società un po’ più armoniosa di come l’abbiamo trovata noi. Per me e per noi, i bambini sono assolutamente fondamentali. Iniziare da loro per costruire una società migliore in futuro è fondamentale”.

Queste invece le parole del dg Baldissoni:

“Questa è stata una bella ventata di aria fresca, facciamo qualcosa di positivo, di buono e di utile per la collettività, per la comunità. Restituiamo qualcosa di quello che la comunità gentilmente ci dona ogni settimana attraverso la passione dei nostri tifosi. Ogni volta che possiamo farlo, è un momento di orgoglio da un lato e di gioia dall’altro. Avere a che fare con i bambini è sempre estremamente piacevole. Il percorso iniziato con Roma Capitale è positivo, noi ci siamo messi a disposizione sin dall’inizio dell’amministrazione, come anche di quelle precedenti, perché riteniamo la Roma una piattaforma sociale che deve essere a disposizione della città per iniziative. A volte è difficile per la città occuparsi di tutto, e noi, come società che ha un ruolo fondamentale, sotto certi aspetti siamo un po’ una rappresentanza. Quando la Roma va in giro nel mondo a portare i propri colori è una sorta di ambasciatrice della città. Sappiamo di dover essere a disposizione di iniziative come questa e come altre che stiamo portando avanti con l’amministrazione cittadina".