Gautieri: "Col Barcellona servirà cinismo, inutile difendersi ad oltranza"

ESCLUSIVE

Carmine Gautieri, ex attaccante giallorosso, è intervenuto in esclusiva ai microfoni di ReteSport 104.2. Ecco le sue parole sul confronto tra Roma e Barcellona in Champions League e sul momento della Nazionale azzurra:

Di Francesco dice che contro il Barcellona una gara d'attesa non serve, è d'accordo?
"Penso che la Roma non dovrà perdere la propria identità di gioco. Si sa che si affronterà una delle squadre più forti del mondo, se pensi solo a difenderti alla lunga hai sicuramente la peggio. Bisognerà sfruttare le occasioni che il Barcellona concederà con cinismo".

Ieri è stata assegnata la panchina d'oro ad Allegri, premio meritato?
"Lo juventino sta dimostrando di essere un tecnico importante, ma forse Gasperini ha fatto un qualcosa in più allenando una società meno importante. Oggi l'Atalanta è una rivelazione e lo ha dimostrato anche in Europa. Il lavoro del piemontese è straordinario".

Schick si vede più in un attacco a due, ma sono sempre meno le squadre che adottano questo sistema.
"Lui è un giocatore che per le qualità che ha può giocare in moduli differenti, ma deve lavorare tanto. Non dobbiamo aspettarci un sostituo di Dzeko, ma vista anche l'età può migliorare e può fare la differenza in qualsiasi sistema di gioco. Quello che conta è la mentalità del giocatore: Dybala nella Juve fa la differenza in qualsiasi ruolo, i grandi campioni sono tali perchè sono forti di testa".

Capitolo Nazionale. Oggi è l'ultima di Di Biagio?
"Lui è l'allenatore giusto invece. Il problema è che nel calcio italiano in questo momento c'è poco materiale a disposizione, bisogna trovare gli uomini giusti. Non ho problemi con gli stranieri bravi nel nostro campionato, ma ci vorrebbe più attenzione nei settori giovanili alla creazione di un terreno importante per una Nazionale forte".