La Roma ne fa 5 al Benevento. Under show, torna il sorriso all'Olimpico

SERIE A TIM

La Roma è finalmente tornata alla vittoria, anche all’Olimpico, contro la matricola Benevento, ultima classificata con soli 7 punti. I giallorossi sfruttano il posticipo apparentemente morbido per dare seguito alla vittoria di Verona e per superare la Lazio al quarto posto.

NESSUN DUBBIO – Rispetto alle attese della vigilia, Di Francesco non cambia e schiera la coppia Strootman - Gerson in cabina di regia con Under, El Shaarawy e Perotti dietro l’unica punta Dzeko. Difesa classica con la coppia centrale Fazio-Manolas e i due esterni Florenzi e Kolarov. In panchina si siedono i rientranti De Rossi e Schick con i giovani della Primavera Riccardi, Marcucci e Bouah. De Zerbi opta per il 4-3-3. In avanti fiducia a Brignola, panchina iniziale per Sagna con Viola che vince il ballottaggio con Memushaj in mezzo al campo.

BENEVENTO CONTRO – La squadra di De Zerbi parte alla grande. Al 3’ D’Alessandro è subito pericoloso dopo una bella azione, il suo tiro cross è troppo lungo per l’inserimento di Guilherme. Il brasiliano si rende però protagonista al 7’. Azione assistita del neo acquisto del Benevento che entra in area, punta Manolas e calcio col mancino, la conclusione deviata si insacca con Alisson battuto. Doccia fredda per la Roma che prova a rispondere ben tre volte con El Shaarawy, Perotti e Dzeko, ma senza concretizzare. Al 26’ Fazio pareggia sul traversone da fermo di Kolarov. L’argentino stacca di testa anticipando tutti, Puggioni compreso. Il gol sveglia la squadra di Di Francesco ma il Benevento tiene fino all’intervallo.

DZENGO SHOW - Le squadre rientrano in campo senza cambiare protagonisti. Di Francesco si gioca la carta Defrel al 56’ e fa bene. Fuori El Shaarawy con Perotti che si sposta a sinistra e la Roma cambia faccia. Dopo soli tre minuti Cengiz Under scappa via sulla destra, cross perfetto per la testa di Dzeko che non sbaglia da due passi. Il turco ci prende gusto e al 61’ firma il 3-1 per i giallorossi. Azione splendida della Roma con Dzeko che serve Perotti sulla corsa, traversone arretrato per Under che a rimorchio insacca il gol della tranquillità. Al piccolo Gengo, come lo chiama Di Francesco, non bastano un assist e un gol ma si prende anche la gioia della prima doppietta con la maglia della Roma. Il migliore in campo nella serata dell’Olimpico effettua un sinistro a giro sul secondo palo imparabile per Puggioni. Brignola riapre apparentemente la gara due minuti dopo. Entrano in campo anche De Rossi e Schick nel finale, segnali di ripresa da due rientranti. Allo scadere c’è anche il tempo per il primo gol nella Roma di Defrel su calcio di rigore. La Roma vince 5-2 e torna a ottenere i tre punti anche tra le mura amiche approfittando della sconfitta della Lazio riconquista il quarto posto in classifica dietro l’Inter di Spalletti. 

Andrea Fagnano