Paoloni, ag. Antonucci: "Mirko vuole restare alla Roma. Con Monchi trovato subito l'accordo per blindarlo" (AUDIO)

ESCLUSIVE

Paolo Paoloni, agente di Mirko Antonucci, ha parlato dell’esordio del suo assistito in Serie A in esclusiva sulle frequenze di Retesport.

Ieri Antonucci esordisce in un campo difficile, dimostrando grande personalità e maturità.
"Mirko, in campo, si trasforma. Sicuro dei propri mezzi, sta bene fisicamente e mentalmente. Ero sereno, sapevo che avrebbe avuto il giusto atteggiamento in campo. È riuscito a fare un assist vincente, quindi bene così".

Quant'è stato importante farlo arrivare così in prima squadra?
"Alberto De Rossi è stato ed è un allenatore importante per lui. Due anni fa lo portò sotto età e insieme hanno vinto il titolo nazionale. Lo scorso anno lo ha fatto entrare gradualmente nell'undici titolare e quest'anno Di Francesco ha puntato molto su di lui".

Com'è arrivato alla Roma?
"Giocava all'Atletico 2000. Tredicenne, fu adocchiato dall'Inter, ma Bruno Conti fece la differenza trovando l'accordo col presidente Massimo Santopadre. Mirko è romanista da sempre, non c'era altra scelta per lui".

Ora che Antonucci è nel limbo tra grandi e piccoli, confermerà la sua maturità?
"Roma dà tanto e toglie tanto. La piazza è particolare, c'è il pericolo di esaltarlo e distruggerlo. D'altra parte lui è umile, sereno e tranquillo. Giocare in Primavera e in prima squadra fa la stessa cosa".

Contratto?
"La Roma ha pensato bene a tutto. Mirko vuole restare a Roma e alla Roma. Con Monchi abbiamo impiegato veramente poco tempo a trovare l'accordo".