Tutte le "citazioni" del Presidente

STADIO

“È un grandissimo onore per me assumere la carica di presidente. Non esiste club più speciale al mondo e io accetto la responsabilità di esserne custode e guidarlo con grande senso di umiltà e determinazione, per costruire un’organizzazione di livello vincente sotto tutti gli aspetti”.

James Pallotta diventa presidente dell’AS Roma il 27 agosto del 2012, 1964 giorni fa. Anonimo in Italia ma celebre negli States grazie agli Hedge Fund (fondi di investimento che gli permettono di fondare la Raptor Capital) e alla presidenza dei Boston Celtics, squadra di NBA, sbarca a Trigoria con ambizioni senza precedenti e con un unico obiettivo da subito: l’impianto di proprietà.

A pochi mesi dal sesto anno di presidenza senza trofei in bacheca, ma stabilmente nelle zone alte della classifica, “l’americano a Roma” chiama a colloquio i suoi dirigenti nell’ennesimo vertice societario lontano dalla Capitale. È a Londra che, dal palco del convegno ‘Leader in Sports’, scatena nuovamente le critiche dei tifosi, stavolta sul tema sicurezza: “Sapete com’è un derby tra Roma e Lazio? Nel Nord Italia non litigano molto, ma al Sud… Napoli, Roma: i problemi sono significativi”. Non la prima, né l’ultima, delle citazioni mal digerite dai tifosi romanisti.

07/04/15 | “FUCKING IDIOTS” - “Non è giusto per tutti i nostri tifosi essere infangati da pochi fucking idiots and assholes che frequentano la Curva Sud (dichiarazioni seguite allo striscione nei confronti di Antonella Leardi, madre di Ciro Esposito, ndr). Sono sicuro che la stragrande maggioranza dei romanisti sia stufa di questi stupidi”.

10/12/15 | 0-0 CON IL BATE, MONITO ALLA STAMPA: “CRESCETE!” - "Dovete crescere, è frustrante venire qui e sentire i fischi ogni volta che il pallone viene passato al portiere o roba del genere. Smettetela di colpirli, trattateli col rispetto che meritano. Vorrei che fermaste le vostre invenzioni quotidiane".

12/03/16 | “TOTTI NON CE LA FA PIÙ” - "A Roma abbiamo quello che è stato uno dei più grandi giocatori in Italia di sempre ed è Francesco Totti. Ha 39 anni e credo sia ovvio che non possa più giocare allo stesso modo di prima. Semplicemente il suo corpo non glielo permette. Il suo corpo non fa bene quello che gli dice la mente, il suo contratto scade quest’anno e tutti ne vogliono un altro. La pressione a Roma nei miei confronti per fargli il rinnovo è incredibile”.

12/03/16 | “GARCIA USAVA SEMPRE LA STESSA TATTICA - "Sono un grande fan dei dati analitici. Il problema con Garcia è che usava sempre la stessa tattica e non seguiva i dati analitici. Per fortuna Spalletti è più aperto, sono molto contento di quello che Luciano ha fatto fino ad ora”.

27/12/16 | “GARCIA? AVREI DOVUTO ESONERARLO PRIMA” - "Il suo esonero è stata una decisione relativamente facile da prendere, considerata la serie di partite senza vittorie e l’ottima squadra che avevamo a disposizione, sebbene molte persone pensassero che avremmo dovuto aspettare la fine dell’anno. Credo che la squadra stesse subendo un rapido calo dal punto di vista psicologico. Se non avessimo fatto nulla, non saremmo mai potuti arrivare tra le prime cinque, figuriamoci qualificarci per la Champions League al termine della stagione”;

28/95/17 | TOTTI LASCIA, PALLOTTA GRIDA: “STADIO O ME NE VADO” - "Il nuovo stadio? Dovrebbe essere pronto nel 2020. Se non sarà così ci sarà un nuovo proprietario, perché io non sarò più da queste parti e tornerò a casa”.

24/07/17 | “SABATINI NON VOLEVA SPALLETTI, ORA È CON LUI ALL’INTER…” - “Mi è dispiaciuto che il nostro rapporto si sia rotto ma c'erano divergenze nell'ultimo periodo su come il nostro lavoro andasse condotto. Peccato perché Walter mi è sempre piaciuto come persona e continua a piacermi. Però trovo incredibilmente divertente e curioso che io fossi quello che spingeva per ingaggiare Spalletti e che lui fosse quello contrario, visto che adesso sono ancora insieme nell'Inter. È bellissimo…".

14/08/17 | “I GIORNALISTI SI ALZANO LA MATTINA E INVENTANO LE COSE” - "C'è questa tendenza a Roma di inventare qualcosa, sembra che sentano questa esigenza di svegliarsi al mattino e inventare delle notizie. Questa mattina mi sono svegliato e ho letto con profondo stupore quello che un giornalista in particolare ha detto. Prima di entrare nei dettagli vorrei sfidare questo giornalista in un faccia a faccia e dimostrarmi che sia la verità quello che scrive. Se è la verità sarò felice di portarlo a cena e dargli 50 mila dollari. Sono stufo di chi inventa queste cose”.

11/01/18 | “A ROMA E NAPOLI PROBLEMI DI SICUREZZA MAGGIORI CHE AL NORD” -  “Chi ha mai assistito ad una partita in Italia? Sapete com’è un derby tra Roma e Lazio? Nel Nord Italia non litigano molto, ma al Sud… Napoli, Roma: i problemi di sicurezza sono significativi. Un anno e mezzo fa siamo andati dalla polizia, mi sono seduto con il capitano e gli ho chiesto: perché non fate arresti? Lui ha aperto un quaderno pieno di persone che avevano commesso qualcosa, ma c’erano soltanto immagini sfocate. Quindi abbiamo chiesto di poter portare telecamere ad alta definizione all’interno dell’Olimpico e le abbiamo comprate noi, anche se non siamo i proprietari dello stadio, per iniziare a vedere chi è che crea problemi”.

A. Fagnano - R. Cotumaccio