Roma-Atalanta, Di Francesco: "Siamo scesi sotto tutti i punti di vista. Dobbiamo ritrovarci"

SERIE A TIM

Dopo la sconfitta contro l'Atalanta, il tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco ha parlato ai microfoni delle televisioni. Queste le sue parole a Mediaset Premium:

Serviva una Roma perfetta ma non è stata così.
Dopo il loro gol ci siamo disuniti e siamo mancati in personalità. Quando si gioca nella Roma si deve avere la forza di superare i momenti difficili. La squadra non è piaciuta e far gol ci viene davvero difficile ultimamente.

Che succede?
Stiamo facendo qualche passo indietro. Dobbiamo fare mea culpa, ci dobbiamo ritrovare e ricaricare nella sosta. Dobbiamo resettare tutto per tornare la squadra che si è vista prima. Non possiamo essere questi.

I tuoi senatori quanto possono essere importanti?
Nelle grandi squadre i giocatori più importanti devono trainare. Mi aspetto però da tutti qualcosa in più, non ci dobbiamo accontentare del bene che abbiamo fatto. Dobbiamo far tesoro degli errori e tirar fuori la personalità che c’è nei grandi giocatori che devono trainare gli altri.

La causa della frenata?
Oggi, nonostante i tanti cross, il gol è arrivata su una giocata verticale. A giocare lateralmente sono tutti bravi, bisogna forzare le giocate sapendo che una la puoi sbagliare e una indovinare. Abbiamo dimostrato che andare al cross non porta molti risultati, dobbiamo verticalizzare, che è quello che chiedo. Devono insistere su qualche concetto e sperare che la squadra dia qualcosa in più.

Con Nainggolan si vinceva?
Non si può sapere. Per me conta di più la squadra, nella vita vanno fatte delle scelte. Ora sono scesi tutti dal carro e mi sta bene. Dalla prossima ci sarà Radja che ci darà quel qualcosa in più che ci aspettiamo.

Queste le parole a Sky Sport:

Involuzione nel gioco della Roma. Difesa in difficoltà
Non credo sia solo responsabilità dei difensori. Non abbiamo più giocato il nostro pensiero di calcio, loro sono partiti su nostri errori e non abbiamo concretizzato le nostre occasioni. Per atteggiamento, mancanza di personalità abbiamo fatto un primo tempo sotto le mie aspettative.

Secondo tempo?
Nel primo tempo abbiamo avuto palle importanti ma non siamo riusciti a concretizzare. Errori di lettura, concettualmente non abbiamo avuto lucidità, c'è stata confusione nel cercare le cose giuste.

Momento di crisi
È una cosa su cui dobbiamo ragionare. Nel momento di difficoltà ci siamo scollati, è venuto un po' di timore. Non deve accadere per chi vuole giocrae nella Roma. Abbiamo fatto qualcosa di straordianario, ora siamo scesi su tutti i punti di vista ma dobbiamo ritrovare le energie fisiche e mentali nella pausa.

Nainggolan?
Non torna tutto come prima: il ragazzo ha accettato la scelta, bisgna portare avanti l'etica e la morale davanti a un risultato. Si può essere impopolari ma abbiamo fatto una scelta in cui crediamo e che porteremo avanti. Sono valori normali che spero non accadano più