GAZZETTA DELLO SPORT: Il sapore della Champions e un Olimpico quasi pieno. Roma-Lazio qualità Dop

RASSEGNA STAMPA

Derby di qualità. Roma­-Lazio con l’Olimpico pieno e la classifica che sorride, pri­ma di tutto. È, poi, una certifi­cazione di primo livello, partita d’alta qualità e rischio tremendamente più basso del solito che finisca co­me spesso accade da queste parti, in rissa o faccende simili. La squadra di Di Francesco è la meno cattiva della Serie A: solamente 10 cartellini gialli. Quella di Inza­ghi è subito dietro, al secondo posto con 16 gialli (di cui due hanno causato un rosso per doppia ammoni­zione). Zero espulsioni diret­te fin qui, così si spiega la quota dei bookmaker di cui sopra.

Ecco spiegata, pure, la forza della serenità delle due squa­dre, che arrivano al derby con il vento in poppa per risultati e convinzione. I 55 punti in due regala­no la certezza di una sfida che oggi vale almeno una piccola porzione di Champions League. Per la Roma è l’occasione di vincere il primo scontro di­retto, dopo aver perso quelli con Inter e Napoli. Per la Lazio è piuttosto la chance di allun­gare su una rivale e ritirare de­finitivamente il patentino di grande squadra.

L’Olimpico si riempie ogni giorno di più. In 50 mila sono già sicuri del posto per sabato: oltre 28 mila tagliandi stacca­ti, ai quali aggiungere i poco più di 21 mila abbonati giallo­rossi. Traduzione: si torna ad avere una cornice di tifo che non si vedeva almeno dal 2015.

Gazzetta dello Sport, Berardino-Stoppini