Avv. di giustizia sportiva Paolo Gallinelli: "Tifosi della Nord in Curva Sud? Compromesso tra Lotito e i tifosi"

ESCLUSIVE

 

Intervenuto ai microfoni di Rete Sport in mattinata, l'avvocato di giustizia sportiva Paolo Gallinelli ha spiegato il meccanismo che ha consentito ai tifosi della Curva Nord di assistere a Lazio-Cagliari in Curva Sud nonostante la squalifica della curva laziale. Di seguito alcuni stralci del suo intervento:

"Questa iniziativa we fight racism che ha portato alla sospensione degli abbonamenti per consentire agli abbonati della Nord di seguire la partita in Curva Sud, mi sembra una elusione, anche se non c'è stata alcuna infrazione del codice sportivo: il comma 3 dell'articolo 11 del codice sportivo prevede l'inibizione degli spettatori in quel settore e non l'allontanamento dallo stadio dei tifosi di quel settore. Credo che sia stato un compromesso con gli ultrà della Curva Nord, visto che è stato appurato che circa il 40% del settore è stato protagonista dei cori in occasione di Lazio-Sassuolo. In questo modo non si puniscono i responsabili dei cori: anzichè fargli pagare il biglietto 1 euro, raddoppierei il prezzo dell'abbondamento".

Come si procederà adesso per punire i responsabili dei messaggi antisemiti? 

"Confido nella Procura di Roma, in particolare nel dottor Caporale, per arrivare dove non può arrivare la giustizia sportiva. Il presidente Lotito ha parlato di un viaggio ad Aushwitz ma bisogna intervenire in modo più serio. Anche la Figc oltre alle procure adottino degli strumenti per punire queste scorrettezze contro le quali è necessario intervenire. Va rivisto l'art 111 che non parla di chiusura del settore ma di inibizione della presenza degli spettatori in quel settore. Sappiamo tutti che ci sono i sistemi per individuare i protagonisti di questi episodi: dovrebero essere allontanati dagli stadi e non allontanati da un settore. Se non ci arriva la legge ci devono però arrivare le persone: sono convinto che solo la procura ordinaria possa risolvere questa situazione". 

DI SEGUITO L'INTERVENTO INTEGRALE: