Prima Pagina RS: Fonseca ritrova il Braga, ma giovedì c'è il Toro: in dubbio Mirante e Kumbulla. Gomez rompe con la Dea: la Roma alla finestra

RASSEGNA STAMPA

PRIMA PAGINA RETE SPORT - Fonseca ritrova il suo passato in Europa: sarà Sporting Braga-Roma, il match dei sedicesimi di finale d'Europa League. Il tecnico lusitano ha allenato il Braga nel 2015-2016, portando a casa al termine della stagione anche una Coppa Nazionale. Andata in Portogallo il 18 febbraio, il ritorno il 25 all'Olimpico, stadi che presumibilmente causa covid, saranno ancora deserti.

Il capitolo europeo però ora va in ghiaccio: c'è da dedicarsi al campionato fino a Natale e giovedì all'Olimpico arriva il Torino di Giampaolo, in enorme crisi di risultati e da alcuni giorni in ritiro senza permessi in un albergo vicino alla zona Lingotto. Out Verdi e Ansaldi, dovrebbe rientrare Murru, con Bremer che tornerà al centro della difesa. I granata si aggrappano al Gallo Belotti che nonostante la crisi del Toro ha realizzato 8 gol in 10 partite e che quando incontra la Roma si esalta: 5 gol in 10 precedenti, due lo scorso anno nella vittoria granata all'Olimpico.

Fonseca 
schiererà dall'inizio Chris Smalling: il centrale inglese tornerà titolare, a causa anche dell'assenza di Cristante (squalificato per blasfemia, la Roma non farà ricorso viste le immagini inequivocabili) e probabilmente quella di Kumbulla, che oggi si sottoporrà ad esami strumentali dopo il fastidio muscolare accusato a Bologna. Confermato Pau Lopez tra i pali, visto che Mirante non è ancora al top della condizione, potrebbe strappare la convocazione Mancini sulla via del recupero dopo la lesione muscolare di Napoli. Tornerà Pedro dall'inizio, con Pellegrini probabilmente nuovamente arretrato in mediana al fianco di Veretout. L'arbitro del match sarà Rosario Abisso: 4 precedenti e altrettante vittorie per i giallorossi, una quest'anno contro l'Udinese.

Capitolo mercato: il Papu Gomez ha rotto definitivamente e pubblicamente con l'Atalanta, dopo lo scontro di due settimane fa con Gasperini. L'argentino nonostante le faraoniche offerte arabe non vorrebbe lasciare l'Italia, anche per strappare la convocazione dell'Argentina per la prossima Coppa America. In Italia seguono con attenzione la situazione Inter, Milan e Roma. Gomez vorrebbe ottenere il suo cartellino gratuito dalla società e scegliere una nuova destinazione.