Prima Pagina RS: Pinto l'architrave della rivoluzione di Friedkin. Smalling tenta il recupero col Parma, Dzeko out

RASSEGNA STAMPA

PRIMA PAGINA RETESPORT - Tiago Pinto è l'elemento scelto dai Friedkin per azionare la rivoluzione d'autunno della Roma. Il dirigente portoghese (che al Benfica guadagnava 150 mila euro e qui arriverà al milione più bonus), da direttore generale coordinerà l'intera area sportiva con Morgan De Sanctis, che al momento, resterà il ds/uomo mercato, Cavallo responsabile dello scouting. Attività quest'ultima che Pinto amplificherà, probabilmente con l'aggiunta di suoi uomini. Fondamentali saranno anche le 'alleanze' di mercato: come tutti i personaggi portoghesi del calcio moderno, anche Pinto ha dei legami con il potente super-agente Jorge Mendes. Inoltre Pinto avrà un occhio attento al bilancio e ispirerà mosse sostenibili, come faceva al Benfica dove ha portato in prima squadra Joao Felix. Lui sa calarsi in un sistema d’equipe, senza manie di protagonismo: al Benfica era Rui Costa il braccio destro, un fuoriclasse che lo aiutava nelle valutazioni più strettamente tecniche. 

Intanto sul campo, nel confronto andato in scena ieri tra Fonseca, dirigenza e squadra, si è ribadita la necessità forte di centrare i tre punti domenica, al netto delle tante assenze: oltre agli infortunati storici Zaniolo e Pastore, mancheranno contro il Parma sicuramente anche Pellegrini, Santon, Fazio, Kumbulla e Dzeko ancora affetti da Covid. Recuperato Mirante, Smalling ci proverà fino all'ultimo. Fonseca ripartirà presumibilmente da Mayoral al centro dell'attacco, con Cristante che potrebbe giocare al fianco di Veretout oppure da difensore centrale, qualora l'inglese desse forfait.

Intanto a Trigoria si studia la svolta green: i Friedkin vogliono rendere sempre più ecosostenibile il centro sportivo giallorosso: come riferisce la Repubblica, i criteri di gara sono tutti incentrati sul rispetto ambientale. Le ditte che vogliono partecipare dovranno garantire un gruppo di 10/15 persone che seguano in maniera dedicata la Roma. E soprattutto che lavorino soltanto utilizzando macchinari elettrici