Trigoria, l’invito a Pallotta: “Esponga il programma”

RASSEGNA STAMPA

(Il Corriere dello Sport - G. D’Ubaldo) – Giugno è il mese della Roma. La semestrale a fine mese, i problemi di liquidità, l’enigma dello stadio, che divide i possibilisti e gli scettici. I dirigenti hanno opinioni divergenti anche su questo tema, sostenuto da Pallotta da nove anni. Alcuni sono in disaccordo con il presidente per non aver accettato l’ultima offerta di Friedkin e considerano ormai chiusa la trattativa con il texano. Altri suggeriscono a Jim di non lasciare, provando a immaginare un piano B, ora che lo stadio sembra vicino alla svolta. Si può andare avanti con le cessioni, con l’abbattimento dei costi, con un piano di inevitabile ridimensionamento. Se da una parte dunque c’è una situazione caotica internamente alla società, dall’altra i tifosi non mancano di contestare il presidente, anche con striscioni pesanti. Pallotta nei prossimi giorni potrebbe esporre i suoi programmi con la Roma.