Zaniolo sogna di giocare in Europa

RASSEGNA STAMPA

(Il Corriere dello Sport - J. Aliprandi) - Intervento riuscito, adesso i pensieri di Zaniolo sono totalmente rivolti al ritorno in campo. Ieri mattina il talento della Roma è stato sottoposto a un intervento non invasivo per risolvere l'ipertrofia dei turbinati, la struttura del naso che svolge una funzione primaria nel filtraggio dell’aria attraverso le narici, e migliorare la respirazione. Nessun problema, il ragazzo è entrato nella clinica alle 7 ed è uscito intorno alle 14 accompagnato dalla madre e dalla fidanzata. «Da adesso, giuro, faccio i buchi in campo. Ci vediamo tra poco!», il suo messaggio sui social dopo l’intervento. Dovrà restare fermo per due-tre giorni, poi tornerà a Trigoria aspettando il via libera per allenarsi completamente con il gruppo. L’ok dovrebbe arrivare per la fine della prossima settimana, quando la squadra sarà impegnata a ultimare i preparativi per la ripresa del campionato contro la Sampdoria. Ovviamente Nicolò non ci sarà, dovrà aspettare circa un mese prima di poter scendere di nuovo in campo per una partita ufficiale: probabilmente potrà farlo il 15 luglio, quando la Roma sarà impegnata all’Olimpico contro il Verona. Da lì in poi Zaniolo sarà il valore aggiunto per Fonseca, in campionato e chissà, magari anche in Europa League. Perché il club giallorosso spera che la Uefa il prossimo 17 giugno possa decidere di riaprire le liste per inserire o cambiare giocatori rientrati dall’infortunio o che potrebbero fermarsi prima della ripresa della competizione. Logicamente la Roma aveva escluso Zaniolo (ma anche Zappacosta) dalla lista consegnata lo scorso 4 febbraio, quando ancora il Coronavirus non impensieriva l’Europa e nessuno immaginava l’interruzione della stagione per oltre tre mesi. Dalla lista consegnata a febbraio alle gare che si giocheranno ad agosto passeranno sei mesi: ecco quindi possibile una nuova apertura, naturalmente potendo inserire solo i giocatori registrati in squadra nella stagione 2019-2020. Nulla è ancora certo, ma la Uefa ci sta pensando dagli inizi di maggio: per la Roma sarebbe l’opportunità di riavere il talento giallorosso dovendo però sacrificare un elemento già inserito. Ogni decisione sarà presa a ridosso dell'eventuale comunicazione, valutando la condizione di ogni singolo giocatore in rosa. L’importante per la Roma è ritrovare il miglior Zaniolo per la fondamentale ricorsa al quarto posto che garantirebbe introiti e scongiurerebbe partenze clamorose per sistemare il bilancio. Come quella proprio di Nicolò, finito ulteriormente al centro delle voci di mercato dopo le dichiarazioni di Petrachi che hanno spaventato, e non poco, gran parte della tifoseria giallorossa.