Caccia al tesoretto. Sì, l’Europa League può regalare la svolta alla Roma

RASSEGNA STAMPA

(La Gazzetta dello Sport - A. Pugliese) -  Tra le famose quattro direttrici individuate per sistemare i conti giallorossinell’ultima relazione (quella di preparazione all’Assemblea degli azionisti del 29 giugno prossimo), la prima dice esattamente così: “Far conto sui flussi finanziari generati dall’attività ordinaria, compresi gli eventuali flussi di cassa operativi netti conseguiti nel corso della partecipazione all’Europa League, nonché all’eventuale partecipazione alle competizioni europee nella prossima stagione“. Ecco, proprio in questo passaggio c’è un piccolo tesoretto da andare ad inseguire a breve, scrive Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport.

Appena sarà finito il campionato, appena torneranno le coppe europee. Con la Roma che in quel caldo agosto si andrà a giocare almeno 62,4 milioni di euro.

Finora la Roma da questa Europa League ha portato a casa 19,75 milioni di euro così distribuiti: 6,75 di bonus Uefa relativi all’arrivo agli ottavi di finale, 3,8 di incasso al botteghino (le quattro partite giocate in casa all’Olimpico), i 3 già acquisiti dal ranking storico e i 6,22 garantiti dal market pool. Da qui alla fine, invece, dai bonus Uefa possono arrivare altri 12,4 milioni: 1,5 per la qualificazione ai quarti di finale, 2,4 per l’arrivo alle semifinali, 4,5 in caso di finale e ulteriori 4 per l’eventuale vincente del trofeo. A secondo di quanto la Roma si spingerà avanti crescerà anche la quota relativa al market pool, che però è impossibile quantificare con esattezza (potrebbe aggirarsi intorno ai 5 milioni) perché dipende anche dal percorso dell’altra italiana, l’Inter di Antonio Conte.

Una Roma capace di alzare il trofeo garantirebbe maggiore valore al brand giallorosso, permettendo anche l’avvicinamento di nuovi sponsor al club. Ecco perché il doppio confronto con il Siviglia (sempre che si giochi sulle due partite e non con gare secche) assume già da ora un’importanza altissima. Vincere, oltre che permettere al club di gioire sul piano sportivo, garantirebbe anche l’accesso a quella Champions League che è da sempre il vero obiettivo della Roma. Raggiungibile in campionato solo superando in classifica l’Atalanta (raggiungerla non basterebbe, visto lo scontro diretto a sfavore).