Un imprevisto: Zaniolo si opera al naso e riparte

RASSEGNA STAMPA

(Il Corriere dello Sport - J. Aliprandi) - Molti tifosi vedendolo correre in campo si sono spesso domandati come mai Zaniolo giocasse sempre con la bocca aperta. Un'abitudine? In parte sì, ma causata da un’ostruzione nasale che non gli consentiva di respirare al meglio. Da qui il bisogno di farlo con la bocca. Una vera e propria seccatura per un atleta che ha bisogno di gestire al meglio il fiato per riuscire a mantenere il ritmo per tutta la gara, una grana che da domani sarà soltanto un ricordo. Il talento della Roma infatti si opererà per risolvere l'ipertrofia dei turbinati, la struttura del naso che svolge una funzione primaria nel filtraggio dell’aria attraverso le narici, e migliorare la respirazione. Niente più ostruzione e la necessità di respirare a bocca aperta, Zaniolo potrà farlo senza difficoltà con il naso. L’intervento non creerà problemi al programma di recupero, il ragazzo domani verrà operato con una nuova tecnica non invasiva che gli permetterà di entrare nella clinica la mattina e uscire il pomeriggio. Dovrà restare fermo per due-tre giorni, poi tornerà a Trigoria aspettando il via libera per allenarsi completamente con il gruppo. In questi giorni Nicolò lo ha fatto ma solamente nella parte tattica. Ha lavorato sui movimenti di reparto, i tiri in porta, gli esercizi per ritrovare sintonia con la squadra, ma ancora senza il contatto e le famose partitelle che concludono gli allenamenti. Per quelle dovrà aspettare la fine della prossima settimana, quando la squadra sarà alle prese con le ultime indicazioni di Fonseca per la gara di ripresa del campionato contro la Sampdoria. Nicolò naturalmente non ci sarà, dovrà aspettare ancora un mese e mezzo prima di scendere di nuovo in campo in una gara ufficiale. Nella seconda metà di luglio sarà pronto, lui spera di farcela per la gara del 15 all’Olimpico contro il Verona.