Florenzi, il calvario è finito. Dopo 10 mesi e 5 giorni torna tra i convocati

APPROFONDIMENTI

Era il 26 Ottobre dello scorso anno quando nel corso della gara tra Sassuolo e Roma, Alessandro Florenzi subì un trauma al crociato del ginocchio sinistro. Un brutto colpo per il ragazzo di Vitinia e per Luciano Spalletti allora alla guida della panchina giallorossa. L'avversario era proprio l'attuale successore del tecnico di Certaldo, Eusebio Di Francesco, che vide i suoi soccombere per 3 reti a 1 al Mapei Stadium. Il giocatore nel frattempo sosteneva i preparativi per l'immediata operazione e su Twitter lanciava il suo messaggio: «Tornerò più forte di prima. Questi giorni passeranno velocemente come una discesa sulla fascia». Purtroppo non fu così.  Nuova rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro dopo un "velo" in allenamento proprio poco prima del ritorno, e per l'esterno giallorosso è ancora stop. L'incubo del 25enne romanista continua, la stagione è finita. 

Dieci mesi e cinque giorni dopo gli attori restano gli stessi, ma lo scenario appare completamente ribaltato. Sulla panchina dell'Inter c'è Luciano Spalletti, su quella della Roma Eusebio Di Francesco che alla vigilia della gara dell'Olimpico annuncia: "Florenzi sarà convocato e potrebbe entrare a partita in corso". Dal 26 ottobre 2016 a un altro 26, quello di Agosto che vedrà Roma e Inter sfidarsi domani all'Olimpico in match colmo di significati. Il calvario ora è finalmente terminato. Comincerà dal semplice odore del manto erboso dei campi di Serie A, una delle piccole cose che nell'arco di un'attesa così lunga, viene a mancare. Si riparte da qui, ma almeno si può esultare dopo 304 giorni il suo ritorno. Bentornato Alessandro Florenzi. 

Andrea Fagnano (@FagnAndre)