Senza soci Friedkin si ferma

NEWS

(IL TEMPO) - Si raffredda l’asse tra Boston e Houston, come riporta Il Tempo. Con la pubblicazione della semestrale la Roma ha ufficialmente confermato che la trattativa con il texano non è tramontata ma solo rallentata, nonostante l’affare sia in salita e questi siano giorni di profonde riflessioni.

L’imprenditore interessato ai giallorossi ha ridotto al minimo i contatti con la controparte ed emerge ora un retroscena inedito sulla trattativa: alcuni fondi d’investimento europei avevano deciso di affiancare l’imprenditore nell’operazione. Si era arrivati a un passo dalle firme, poi lo stop dovuto alla pandemia. A complicare ulteriormente l’esito del deal va registrata la difficoltà di Friedkin di confermare la presenza al suo fianco di soci di minoranza.

L’attuale situazione di incertezza sul futuro del campionato e sui conti della Roma non scalda gli animi di possibili investitori. A questo punto l’intenzione del gruppo Friedkin è di rivedere notevolmente le cifre precedentemente stabilite: la nuova valutazione del pacchetto Roma si aggirerebbe intorno ai 450 milioni, ma bisogna vedere fino a che punto sarà disposto a scendere sul prezzo Pallotta.

Nel frattempo è stato dato mandato a Goldman Sachs di cercare nuovi investitori, anche se la ricerca al momento non ha dato i frutti sperati.