Fonseca: “Problema di testa, quarto posto ancora possibile”

NEWS

Tutte le dichiarazioni del tecnico giallorosso, Paulo Fonseca, in occasione di Atalanta-Roma, match valido per la 24ª giornata di Serie A.

In questo momento è importante lavorare sulla testa dei giocatori.
Non è facile giocare qui, l’Atalanta crea molte occasioni. Non abbiamo permesso molto alla Roma, abbiamo fatto una buona partita dal punto di vista strategico. Quando abbiamo preso il primo gol la squadra poi è andata in difficoltà. Non posso dire nulla sull’atteggiamento dei calciatori. La partita è stata decisa dai dettagli, difensivamente e tatticamente abbiamo fatto una buona partita.

Il cammino in Champions è compromesso o li campionato è ancora lungo?
“In campionato le squadre perdono molti punti. E’ possibile recuperare perché il campionato è equilibrato”.

La Roma di questa sera ha avuto qualità, con Miki e Pellegrini insieme, bene con le marcature preventive. L’Atalanta ha fatto fatica. La Roma ha preso gol ravvicinati, come le altre partite, e anche fisicamente la squadra ha fatto fatica.
“Penso che il problema sia stato soprattutto mentale. In queste ultime due partite abbiamo corso molto, con grande intensità. Non è un problema fisico. Abbiamo fatto grandi partite e dobbiamo credere di poter tornare a farle. E’ difficile spiegare questi gol presi. Siamo in un momento dove qualche tiro è gol e poi abbiamo preso tanti gol da calcio d’angolo. Difficile da spiegare, ma con questa prestazione possiamo fare molto meglio e sono fiducioso che torneremo presto a vincere. Dobbiamo lavorare come fatto in settimana per vincere la prossima”.

Cosa le lascia tatticamente questa sfida per il futuro? Riproporrà questo modulo?
“E’ stata una partita diversa da tutte le altre. Non posso dire che giocheremo così con le altre squadre, ma con questo sistema sì. E’ difficile giocare contro l’Atalanta. Per questa partita non avevamo Cistante, Diawara e questa con Mancini mediano era l’unica soluzione. Possiamo giocare con questo sistema”.

Oggi guidavi la linea difensiva. Hai tenuto bene gli attaccanti dell’Atalanta…
“Era importante che la squadra non si allungasse. Che non fosse corta difensivamente. Abbiamo quasi sempre fatto bene in questa situazione. Quando abbiamo recuperato la palla però non abbiamo fatto quello per cui avevamo lavorato. Abbiamo sbagliato. Con la pressione dell’Atalanta non era facile”.