ESCLUSIVA - CARBONI: "Florenzi? Valencia un passo avanti. La Roma meriterebbe di essere forte come Real e Manchester" [AUDIO]

ESCLUSIVE

“Florenzi si troverà benissimo, ma dovrà aprire la mente e calarsi in fretta nel nuovo ambiente”. Amedeo Carboni, ex calciatore di Roma e Valencia, ai microfoni di Retesport parla del trasferimento dell’ex capitano romanista in Spagna. 

“Sono a Barcellona - sottolinea - ma vado spesso a Valencia. Se avrò occasione lo incontrerò molto volentieri. Consigli? Non mi permetto di dargliene, è difficile pure darne ai figli”.

SULLA FASCIA DA CAPITANO

“Ultimamente i capitani della Roma non hanno un grande futuro nella loro città. Non so se è un caso o se c’è qualcosa di diverso, ma bisogna anche rispettare le scelte della società”

SUL VALENCIA

“Certamente avrà dei vantaggi perché Roma è una città incredibile, ma a livello calcistico Valencia è qualcosa di più. Negli ultimi 20 anni hanno vinto molto. In questo senso per Florenzi la responsabilità è maggiore, anche perché arriva con una formula particolare, in prestito secco, perciò dovrà dimostrare di essere subito pronto"

SULLA NAZIONALE 

“Lasciare Roma non è semplice, la città ti entra dentro, vale per tutti. In più lui è romano. Ma queste situazioni fanno bene, garantiscono nuovi stimoli. In estate c’è l’Europeo ed è comprensibile che il giocatore voglia mettersi alla prova con continuità. Il fattore umano non è trascurabile. A livello tecnico, però, la società non contava su di lui. Perciò è giusto che vada via, perché anche lui avrà l’ambizione di giocare l’Europeo. Noi da fuori sappiamo sempre un decimo della verità, magari è stato il giocatore stesso a chiedere di andare via. Un calciatore come lui non può stare in panchina per troppo tempo”

"Roma è una capitale del mondo, dovrebbe essere allo stesso livello del Real Madrid o del Manchester. Valencia dal punto di vista mediatico ha meno pressioni. Florenzi dovrà essere bravo ad aprire la testa, lì c’è meno pressione, maggiore spensieratezza. I primi giorni faticherà un po’, come me all’inizio. Se capirà in fretta qual è lo spirito della città e della squadra si troverà benissimo”

SU PEREZ E VILLAR

“Perez lo conosco bene, Villar invece no. non lo conosco. Il primo può rientrare benissimo nei piani di Fonseca, può avere un futuro importante"