Roma-Cagliari, le pagelle: follia di Massa, protagonista assoluto di una direzione inspiegabile

PAGELLE

Roma bruttina, ma arbitraggio imbarazzante. Vero protagonista è Massa di Imperia, che sbaglia tutto e innervosisce la gara. Alla fine saltano i nervi e volano i cartellini. 

MASSA 3: Arbitraggio indecente, che inviperisce una partita essenzialmente tranquilla.

LOPEZ 6: Sicuro e affidabile, per un soffio non prende il rigore di Joao Pedro.

SPINAZZOLA 6: Limita le sue discese come chiede l’italianizzato Fonseca. Il suo potenziale ne risente, prestazione da compitino. Dall’80’ SANTON 6: Entra con decisione dando il suo contributo.

MANCINI 6: Gli fischiano un rigore simile a quello non fischiato (e non rivisto al var) a Lucioni domenica scorsa a Lecce. Lui non fa una piega e continua a giocare.

SMALLING 6,5: Leader della difesa, parla e sprona tutti. Prezioso nel recuperare palloni e ottimo nella scelta dei tempi di intervento.

KOLAROV 6: Solito motore instancabile a sinistra, mette buone palle al centro, ma i compagni non concretizzano.

CRISTANTE 6: Ci mette personalità e carattere, lottando su ogni pallone in mezzo al campo.  

DIAWARA 6: Appare subito tra i più pimpanti, ma la sua partita dura poco. Al 25’ l’arbitro gli fischia un fallo inesistente, che porta poi all’azione del rigore del Cagliari. Si fa male, poco dopo, al ginocchio. Dal 30’ ANTONUCCI 6,5: Si muove bene, con personalità. Recupera palloni, dribbla e lotta. Dal 75’ KALINIC 6: Entra e fa un gol sporco, quelli che a volte non riescono a Dzeko. Massa lo annulla per una spinta.

ZANIOLO 6: Inizia forte all’8 minuto si gira in area e prova a fulminare Olsen che, manco a dirlo, fa una gran parata. Dà l'idea di essere sempre pericoloso in ogni zona del campo in cui viene schierato. Ha la palla buona all’84’ ma spara su Olsen da pochi passi.

VERETOUT 6: Inizia trequartista, ma retrocede nella solita posizione dopo l’infortunio di Diawara. Le sue verticalizzazioni oggi non sono frequenti, né precise.

KLUIVERT 6,5: Da una sua iniziativa arriva l’autogol di Ceppitelli. Prova a dare la sua spinta in una partita difficilissima. Quando il gioco si fa duro, lui si trasforma in cattivo e randella quando può da giocatore navigato.

DZEKO 6: È sempre lui il riferimento offensivo, ma oggi brilla meno del solito. Sarebbe suo l’assist vincente per Kalinic, ma...

FONSECA 6: Le prova tutte, alla fine sbotta dopo un arbitraggio ridicolo. Ci tiene a dirlo di persona a Massa, che lo espelle.