LA RASSEGNA STAMPA - Lucio, il derby è a San Siro. Monchi, uomo "solo" al comando. Roma, il post Spalletti è un intrigo

RASSEGNA STAMPA

LA RASSEGNA STAMPA - Queste le principali notizie della rassegna stampa odierna, raccolte dalla redazione di Retesport.

LUCIO, IL DERBY È A SAN SIRO - Spalletti, lunedì pomeriggio, si è spostato a Milano. Niente di segreto, ma viaggio alla luce del sole e programmato con largo anticipo, per partecipare a un’iniziativa benefica. Lucio è stato al Teatro Nuovo per la cena organizzata per festeggiare i 60 anni di Bruno Arena (del duo i Fichi d’India). Le foto della serata testimoniano l’amicizia del tecnico con il comico. Il futuro di Spalletti, scrive Il Messaggero (U. Trani), è ancora da scrivere. Del resto questo è il tempo delle proposte e degli incontri. E sulla giostra può salire chiunque, compreso chi non è libero: è successo pure a Lucio, quando nell’estate 2009, andò da romanista a Parigi per incontrare Abramovich. In questo senso il viaggio a Milano è utile per farsi un’idea di quanto può accadere nelle prossime settimane. Perché il toscano è in corsa, e non da ora, per prendere il posto di Pioli. E, da qualche giorno, è in ballo pure per sfilarlo a Montella.

MONCHI, UOMO 'SOLO' AL COMANDO - «La cosa non può ancora esser data per fatta, ma la Roma è la squadra più vicina». Tanto vicina che il nuovo diesse Monchi sta da tempo lavorando alla costruzione della prossima stagione giallorossa, pronta ad entrare nel vivo appena lo spagnolo prenderà l’aereo che sancirà ufficialmente il suo trasferimento nella Capitale. In base agli ultimi impegni da sbrigare prima di lasciare Siviglia, Monchi si prenderà ancora qualche giorno di tempo prima di stabilirsi in maniera operativa a Trigoria e dare il via al triennale firmato fino a giugno 2020. Probabilmente - scrive Il Tempo (A. Serafini) - già a partire dalle prossime settimane, quando verrà definita anche una parte dello staff che affiancherà il nuovo dirigente giallorosso.

INTRIGO POST-SPALLETTI - Dal centro di potere londinese, Franco Baldini si sta muovendo per consegnare alla Roma l’allenatore che potrebbe spingerla al salto di qualità. L’identikit è nitido: profilo internazionale, carisma inattaccabile, curriculum accattivante. Baldini, supportato naturalmente da Monchi, prenderebbe anche Unai Emery, che aveva provato a portare a Trigoria da direttore generale nel 2012 dopo le tormentate dimissioni di Luis Enrique.  Monchi, riporta Il Corriere dello Sport (R. Maida), si è anche confrontato con il suo attuale allenatore, Jorge Sampaoli, che potrebbe lasciare il Siviglia a fine stagione. Ma la sua ambizione è sostituire Bauza come ct della Nazionale argentina. Dalla lista dei papabili, aspettando la fumata bianca del conclave di Trigoria-Boston-Londra-Siviglia, non va depennato poi Vincenzo Montella, su cui il nuovo Milan non ha sciolto le riserve.