Igor Zaniolo: “Il rinnovo non arriverà oggi, ma sarà una formalità. Il servizio de Le Iene su mia moglie mi ha dato un po’ fastidio”

ESCLUSIVE

Ai microfoni di Retesport è intervenuto Igor Zaniolo, papà di Nicolò, per parlare del futuro del numero 22 giallorosso e del suo imminente rinnovo.  

Ieri le parole di Nicolò hanno fatto molto discutere

“È un ragazzo giovane, non è abituato alle interviste. Ha detto una cosa che non voleva dire. Ciò che ha detto è stato male interpretato, stamattina era molto scosso e la sua preoccupazione era che il suo rapporto con la tifoseria si potesse incrinare”.

Il rinnovo avverrà a breve e sarà una formalità?

“Assolutamente sì, Nicolò è molto grato alla Roma, alla città e a tutto l’ambiente. L'intenzione è continuare con questa società, con un giusto adeguamento, meritato sul campo”.

Oggi può essere un giorno importante per un accordo?

“La volontà delle parti è continuare insieme, è normale che ci sia il gioco delle parti perché comunque è una trattativa. Non credo che stasera si caverà un ragno dal buco, ma credo che la cosa verrà risolta in breve tempo”.

Interviene Marco Delvecchio: “Sono sempre molto critico coi giovani, però guardando Nicolò mi sembra un ragazzo con la testa sulle spalle. Non dò consigli, ma continuate a stargli dietro così perché ha ottime potenzialità e può fare grandi cose”.

Ringrazio marco per i complimenti, speriamo che tutto vada bene. Io posso dargli consigli in campo, ma sono orgoglioso perché è un ragazzo che non ha grossi vizi e ha la testa sulle spalle”.

Le sensazioni sulla stagione della Roma?

“Una stagione nata male, che ti dà la possibilità di rimediare. La squadra è forte, poteva ambire al terzo posto, ma molte cose non sono andate per il verso giusto”.

In quale ruolo preferisce giocare?

“Secondo me deve avere spazio davanti perché ha molta corsa e forza, quando gioca laterale forse si perde un po' ed è più limitato. Lo vedo terzo di centrocampo oppure trequartista dietro le punte”.

Quanto ti ha dato fastidio il servizio de “Le Iene”

“Mia moglie non è abituata alle telecamere, mi ha dato un po' fastidio, ma col tempo si dimentica tutto. È chiaro che mi abbia dato fastidio, ma conosciamo Le iene”.

Molti tifosi temono che il rinnovo non basti ad evitare la cessione

“Quello devi dirlo alla società, ma la sua priorità è la Roma. Lui ha un debito morale con la città e la società. Penso che se rinnova resta al 100%”.