Esclusiva, Julio Sergio Bertagnoli: "Ranieri è un'ottima scelta, anche se stavolta sarà ancora più difficile"

ESCLUSIVE

Julio Sergio Bertagnoli, portiere giallorosso ai tempi della prima esperienza di Claudio Ranieri sulla panchina della Roma, parla ai nostri microfoni del ritorno del tecnico romano a Trigoria.

“Rispetto alla prima esperienza in giallorosso stavolta è un po’ più difficile. La stagione volge al termine, non c’è molto tempo per lavorare. Lui però conosce l’ambiente, è romano, può fare bene. L’aver accettato questa situazione dimostra già quanto tiene alla Roma, perché non è facile prendere una squadra così adesso. Ranieri è una persona molto carismatica, farà uscire il meglio dai calciatori”.

Il brasiliano sottolinea il problema che ha generato la crisi attuale: “L’anno scorso la Roma è andata oltre le proprie capacità, il problema è aver venduto molti calciatori importanti. Di Francesco ha accettato questa scommessa, penso che sia stato un errore cambiare ora, ma per fortuna hanno scelto Ranieri al suo posto. Un’ottima scelta”.

Ai tempi di Spalletti ha avuto poco spazio, poi ha vissuto un biennio importante: “Spalletti aveva fiducia in Doni e Doni giocava bene, c’è da ammetterlo. Io non sono alto, non ho il fisico dei grandi portieri. Poi è arrivato Ranieri mi ha dato fiducia e ho vissuto due anni meravigliosi”.

Su Olsen: “Credo che Ranieri continuerà con lui, almeno all’inizio. Olsen può aver commesso qualche errore, ma non è stato decisivo in negativo. La Roma non vive questa situazione per colpa sua. Ha avuto qualche incertezza all’inizio poi è cresciuto. Credo che il mister non cambierà gerarchia all’inizio, semmai cambierà il modo di giocare, il sistema tattico e speriamo bene”

Sulle lacrime versate nei minuti finale della gara di Brescia, quando concluse la partita da infortunato: “Per me era una cosa normale. Io volevo vincere a tutti i costi, non sono mai stato un campione, giocavo con il cuore. Magari anche i calciatori attuali, ma il mondo è cambiato, i social network rendono tutto più difficile. Però sono sicuro che anche questi ragazzi vogliano vincere il più possibile e per farlo devono seguire le idee di mister Ranieri”.